"la RIgenerazione" Cinisi: situazione igienico sanitaria grave

Entra nel vivo il dibattito a Cinisi sul problema rifiuti, acuito dall’ennesima crisi, che sta devastando il territorio dell’Ato PA 1, il movimento civico “La RIgenerazione” interviene con un documento dove si critica la ciclicità delle emergenze, ritornando anche sul Centro Comunale di Raccolta con un video e un sondaggio on line:

“In queste settimane – inizia la nota della RIgenerazione – Cinisi sta vivendo l’ennesima emergenza rifiuti: ogni angolo del paese è invaso da sacchetti di immondizia e sporcizia di ogni tipo, la raccolta porta a porta è ferma, la situazione igienico-sanitaria è grave. Le motivazioni in questo caso sono da ricondurre al guasto di alcuni mezzi comunali che avrebbero dovuto effettuare la raccolta e l’indisponibilità di altri mezzi, che la ditta fornitrice (la Eco Burgus) non vuole fornire a causa dei ritardi nei pagamenti da parte dei Comuni dell’Ato Pa1 (fra cui Cinisi), che hanno accumulato debiti per 3,5 milioni di euro con la stessa società fornitrice. E’ troppo facile affermare che questa era una situazione purtroppo prevedibile date le condizioni economico-finanziarie in cui versa l’Ato rifiuti, da tempo in liquidazione.

Questo comunicato non è il primo e temiamo non sia neanche l’ultimo che ha ad oggetto le emergenze rifiuti, che si susseguono a cadenza mensile. Ormai si è perso il conto di quanti commissari si sono avvicendati per tentare di “traghettare” l’Ato verso le SRR (Società per la Regolamentazione del servizio di gestione Rifiuti). Ultima in ordine cronologico è la dott.ssa Loredana Ferrara che, nell’ultima assemblea dei Sindaci dei Comuni facenti parte dell’Ato Pa1, ha comunicato la possibilità di ricorrere all’art. 191 del d.lgs. n.152/2006 per l’emergenza rifiuti, soluzione attuata già da Partinico e Isola delle Femmine. Il nostro Comune ha già adottato questa soluzione ad ottobre e probabilmente la dovrà adottare di nuovo, viste le gravi condizioni igienico-sanitarie. Probabilmente il paese tornerà pulito, si supererà l’emergenza, ma trattandosi di una soluzione provvisoria, gli scenari indecenti di questi giorni si ripresenteranno.

Cittadini depositano rifiuti davanti al Municipio. Foto di Francesco Cicerone

 

Noi esprimiamo il nostro disappunto e la nostra rabbia verso l’Amministrazione comunale perché, nonostante le tante proposte concrete da noi presentate, ci si ostina in uno stato di immobilismo, senza alcuna programmazione. Il Movimento “la RI Generazione”, da quando si è insediato in Consiglio Comunale, ha presentato diverse proposte sul tema: un Piano di riduzione dei rifiuti, incentivi per la raccolta differenziata, una proposta per avviare in tempi brevi la stessa creando un Centro Comunale di Raccolta (C.C.R.) a Cinisi.

I cittadini sono stanchi, pagano una tassa altissima ma ricevono un servizio pessimo e lo stato in cui versa il nostro territorio non può definirsi da Paese civile! Noi del Movimento “la RI Generazione” siamo solidali con i cittadini e dato che le nostre proposte vengono puntualmente bocciate da una maggioranza supina alle indicazioni dell’Amministrazione, siamo pronti a mettere in atto iniziative “eclatanti” coinvolgendo tutti i cittadini in questa battaglia di diritti che va oltre gli schieramenti e le simpatie politiche, perché il diritto a vivere in un paese pulito non può essere compromesso o negato dalla incapacità politica di questa Amministrazione, la cui azione è ricca di buoni propositi ma piuttosto carente in quanto a risultati ottenuti. Il fine della politica è, o almeno dovrebbe essere, – conclude il movimento civico – perseguire il Bene Comune, per questo chiediamo all’Amministrazione di agire con coraggio, al di fuori da qualsiasi logica di interesse, e ripristinare un servizio che i cittadini pagano a peso d’oro, ma soprattutto a garantire la sostenibilità futura dello stesso”. Il movimento ha anche pubblicato un interessante video sui siti di Contrada San Giovanni e Fondo Orsa per accendere un dibattito pubblico sul CCR. youtu.be/UC3FJcXpCfk

E’ stato pubblicato un sondaggio on line sul social network “due siti nel territorio di Cinisi, entrambi di proprietà pubblica, su cui realizzare un Centro Comunale di Raccolta e avviare la raccolta differenziata: il primo, situato in C.da Orsa, scelto dall’Amministrazione Comunale di Cinisi; il secondo, quello di C.da San Giovanni (nella zona industriale di Cinisi), proposto dal Movimento “la RI Generazione” tramite il consigliere Conny Impastato. Guardate il video ed esprimete la vostra opinione. Quale tra i due vi sembra più adatto?

La risposte finora arrivate propendono decisamente per il sito di Contrada San Giovanni: “E’ chiaro che il sondaggio è solo il primo passo – dice Vito Manzella di Rigenerazione – ne seguiranno altri per coinvolgere i cittadini”.