Ritorna la musica in piazza a Terrasini

Ritorna la movida musicale a Terrasini, non solo il Comune, ma anche i privati potranno organizzare spettacoli musicali all’aperto, ma con restrizioni. Il sindaco infatti con ordinanza n. 65 del 29 luglio, ha nuovamente autorizzato, “considerata la vocazione turistica della città, che nel periodo estivo è meta di nuerosi turisti e visitatori, lo svolgimento di attività temporanee e di manifestazioni in luogo pubblico, o aperto al pubblico e per spettacoli a carattere temporaneo, a far data da giovedì 30 luglio a domenica 6 settembre” osservando alcune prescrizioni dettate dall’ordinanza. Nello specifico, le manifestazioni dovranno concludersi, dal lunedì al giovedi, alle 00,30 del giorno successivo e venerdì, sabato e domenica, i gruppi dal vivo potranno esibirsi fino alle 1,30 del mattino del giorno successivo. Ma le limitazioni non si limitano alle fasce orarie, infatti “Al di fuori delle superiori fasce orarie è vietata la diffusione sonora esterna derivante dai pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, dalle attività commerciali di vendita, dalle attività artigianali alimentari. Il titolare del pubblico esercizio o del locale di pubblico spettacolo deve osservare tutte le disposizioni in materia di inquinamento acustico e adottare tutte le misure idonee e necessarie al fine di non compromettere il diritto al riposo ed evitare il disturbo alla quiete pubblica; è fatto divieto di organizzare attività musicali in contemporanea per più locali nello stesso sito. E’ consentita l’organizzazione di singole attività musicali da parte dei locali ubicati nello stesso sito in fasce orarie diverse nel rispetto dei limiti orari di cui al punto 1.Le richieste di svolgimento degli spettacoli, da presentarsi almeno 48 ore prima, dovranno essere autorizzate dal Sindaco.

Al fine di non recare disturbo alla quiete pubblica ed al riposo dei cittadini le emissioni sonore dovranno essere contenute entro i limiti di cui alla Legge n. 447 del 26 ottobre 1995.

Fatta salva l’applicazione delle norme preordinate al contrasto di illeciti penali e amministrativi, chiunque violi le disposizioni del presente provvedimento è soggetto, oltre alle sanzioni previste dalla specifica normativa, alla sanzione amministrativa in linea principale ed accessoria prevista dal D. Lgs. N. 267/2000 e s. m.e i.

Al di fuori del Centro Storico sono fatte salve le preventive autorizzazioni concesse dalle Autorità di Pubblica Sicurezza”.