Torretta: Sagra della vastedda e Presepe vivente per l’Immacolata

vasteddaSi rinnova la tradizione a Torretta della sagra della vastedda,  giunta quest’anno alla trentunesima edizione. La vastedda è una focaccia di pane condita con l’aromatico olio nuovo appena uscito dai frantoi, sale, pepe, caciocavallo e ricotta. La tradizione racconta che il giorno dell’Immacolata, i giovani “ziti” fidanzati, si recavano di buon mattino a casa della “zita” portando alla fidanzata e alle famiglie, le vastedde appena sfornate in ceste di vimini, foderate con tovaglie ricamate. I forni a pietra sono a lavoro dalle prime ore della notte, per non mancare all’appuntamento e per fornire le vastedde calde fin dalle prime ore dell’alba. Da questi forni in passato si diffondeva per le viuzze del borgo contadino, l’abbanniu (annuncio), come un canto arabo, “cavuri cavuri e va cuonza” (caldi caldi e vai a condirli), penetrava i muri delle modeste case contadine e svegliava quanti dovevano prepararsi ad affrontare una giornata di sana fatica nei campi. La tradizionale sagra, organizzata dal Comune, Associazione Insieme, Movimento Cristiano Lavoratori, vedrà quest’anno la partecipazione degli sbandieratori Ibla major di Paternò e del cantastorie Peppino Castro. La manifestazione si arricchisce con la seconda edizione del Presepe vivente, dalle 10 alle 12, con la rappresentazione della “Ninnaredda” siciliana di Maria e Giuseppe. Un’appuntamento da non mancare tra gli eventi che celebrano l’Immacolata in Sicilia.

sagra vastedda torretta presepe