Lo United Capaci espugna Gela

Asd Capaci United:

D’Orio 9, Marco Cappello 6.5 (Cap.), Badalamenti 6, Giacomo Catalano 6 (V.Cap.), Pitarresi 6, Intravaia 6, Marretta 5.5, Montevago 7.5, Sorrentino s.v., Calamia s.v., Bruno s.v., Gabriele Catalano 8.

All. Roberto Zapparata;

Pro Gela:
28 Alfeo 6 Azzolina Bascietto 18 Brasile 11 Cagliá (k) 3 Cinici 10 Di Bartolo C. 27 Di Bartolo F. 23 Guaia 5 Marchese 24 Martorana 1 Nicoletti;

All. Fecundo Vincenzo

Tabellino
2′ 0-1 D’Orio (UC);
4′ 0-2 Montevago (UC);
19′ 1-2 Cagliá (GE);
50′ 1-3 D’Orio (UC);
58′ 2-3 aut. Marretta (GE);

Risultato finale

Pro Gela 2-3 Asd Capaci United;
Nella settimana della sconfitta in Coppa Italia contro la Mabbonath, lo United Capaci prova a rialzare la testa in una insidiosissima trasferta di campionato contro il Pro Gela. Senza due pezzi grossi come Restivo (squalificato) e Torcivia (infortunato), gli uomini di Mr. Zapparata affrontano la squadra di Mr. Fecundo in piena emergenza. Queste difficoltà si trasformano in ulteriori stimoli per i giocatori rosanero in campo che solo dopo due minuti dall’inizio del match, passano in vantaggio grazie alla solita punizione vincente di Roberto D’Orio il quale beffa Nicoletti con una rasoiata che termina sotto le gambe dello stesso portiere. I padroni di casa appaiono storditi dall’avvio sprint dei rosanero e al 4′ capitolano nuovamente questa volta per mezzo di Montevago, abile nel recuperare il pallone sugli sviluppi di un errore difensivo e nel saltare Nicoletti appoggiando in rete la palla dello 0-2. Pro Gela dunque sotto di due reti e date le circostanze Mr. Fecundo decide di schierare per più di metà del primo tempo il portiere di movimento, nel tentativo di trovare la rete che accorcerebbe le distanze. Dopo vari tentativi al 19′ arriva la rete del Gela con capitan Cagliá che scarica da pochi passi in seconda battuta dopo una respinta del pallone sul palo. Per il resto della prima frazione di gioco lo United continua a resistere in fase difensiva senza lasciare varchi al quintetto di movimento offensivo dei padroni di casa. Si va a riposo dunque sul risultato di 1-2 per Cappello e compagni, apparsi cinici in fase offensiva, concentrati e puntuali in quella difensiva. Il Gela dopo un avvio timido riesce ad alzare la testa trascinato da un Cagliá ispirato e dalle giocate di un Guaia molto propositivo.
La ripresa inizia sotto il segno dei padroni di casa che spingono alla ricerca del pareggio. Nei primi minuti doppio intervento di Catalano su Caglià, che appare ancora una volta il più in palla della propria compagine. Al 13’ goal annullato allo United per un sospetto fallo di mano di Intravaia. Molti dubbi nella circostanza in quanto forse il tocco del numero 11 avviene dopo che la palla sulla conclusione di Montevago aveva già oltrepassato la linea di porta. Decisione estremamente difficile ed episodio degno di moviola. Al 20’lo United passa sul 1-3 grazie alla precisione balistica di D’Orio che sui calci piazzati si dimostra ancora una volta letale. Questa volta la conclusione del numero 4 è davvero imprendibile per Nicoletti che nonostante il tuffo in estensione non riesce ad agguantare la sfera. Doppietta dunque per l’ex Juventus Scirea. Nonostante il doppio vantaggio gli ospiti permettono ai padroni di casa di giungere al tiro libero e al 24’ Di Bartolo ha l’occasione sul destro per accorciare le distanze, tuttavia il giovane Catalano si oppone splendidamente deviando in angolo la conclusione del numero 10 del Pro Gela. Un minuto dopo doppio palo nel corso match, uno per parte. Prima è Caglià a centrare il legno esterno con un destro rasoterra da posizione defilata, poi tocca a Montevago deliziare la platea con un destro al volo praticamente vicino alla bandierina del calcio d’angolo, che ha tuttavia il medesimo esito della conclusione del capitano del Gela. Il Pro Gela sembra non crederci più dopo molteplici tentativi, tuttavia ad accendere le speranze gelesi ci pensa una sfortunata autorete di Marco Marretta che sorprende Catalano nel tentativo maldestro di respingere un tiro cross proveniente dalla destra. Risultato dunque nuovamente in bilico, partita adesso condotta dallo United per 2-3, un solo goal di vantaggio negli ultimi minuti finali di gioco. L’ultima emozione del match avviene al 30’+2 quando Bascietto ha l’opportunità di pareggiare i conti direttamente su tiro libero. Tuttavia anche lui come precedentemente Di Bartolo, sbaglia la conclusione calciando fuori alla sinistra di Catalano. Non c’è più tempo per ulteriori brividi sportivi. Il match termina 2-3 per lo United Capaci che espugna Gela senza due pedine fondamentali del proprio scacchiere. Nell’attesa di capire i tempi di recupero di Marco Torcivia, il giocatore più in forma del momento prima dell’infortunio, i rosanero potranno godersi le feste e il terzo posto in classifica a pari punti con la Mabbonath. In testa al campionato restano Mascalucia C 5 e Futsal Regalbuto entrambe vittoriose in casa e appaiate a 29 punti, cinque lunghezze di vantaggio dalla coppia palermitana che occupa il terzo posto. Appuntamento adesso al 9 Gennaio 2016 per assistere al big match fra Asd Capaci United e Mascalucia C 5, occasionissima per gli uomini di Zapparata per accorciare il gap in classifica. Dallo staff del Capaci United tantissimi auguri di buone feste a tutti gli appassionati del futsal siciliano.

Risultati, classifica e prossimo turno:
http://www.futsalpalermo.com/index.php?option=com_joomleague&func=showresultsrank&p=53&Itemid=104&r=13;

Primo tempo della partita contro il Gela:

Secondo tempo:

Andrea Trapani