Una canzone per una mamma d’eccellenza: Felicia Impastato

Sonnu non possu pigghiari

la morti nun voli viniri

si cunnanna nun viu cu l’occhi mei

e sta matri nonn’havi giustizia“.

Sonno non posso prendere, la morte non vuole venire se condanna non vedo con gli occhi miei e questa madre non avrà giustizia. Inizia così la struggente e dolcissima canzone scritta per Felicia Impastato da Claudio Di Mercurio, componente del Collettivo Peppino Impastato, parole e musica pensate anni fa per una madre simbolo: Felicia Bartolotta Impastato, mamma di Peppino Impastato, di cui domani ricorre l’anniversario. “Ho scritto questo brano – dice Claudio Di Mercurio, quando Felicia è morta, per la significativa coincidenza che è andata via poco dopo la sentenza di condanna per la morte di Peppino, e ho immaginato questa mamma che si cantava questa ninna nanna perché voleva addormentarsi nel sonno eterno ma non riusciva ad addormentarsi se prima non avesse avuto giustizia, evidenziando che un genitore non dovrebbe mai sopravvivere ai propri figli e rassegnata conclude me figghiu m’appi a brturicari, ho dovuto seppellire mio figlio”.

http://https://www.youtube.com/watch?v=mh3NamUZ_Pk&feature=share

Bellissimo testo in lingua siciliana e musica suadente sul solco delle ninna nanna popolari. “pezza pezza lu ficiru moriri pi dda genti era sulu munnizza ma me figghiu era sulu cummintu ca la mafia è una muntagna di merda. Merda ca ti va ‘nta la facci, merda ca chiui i purmuna, merda ca ni leva lu ciatu e la testa un ti fa cchiù ghisari. Chistu chi fici me fiugghiu, chista sula fu la so curpa e pi chistu ca ci fu la cunnanna e ‘ntallariu mi lu ficiru satari. Ma na matri quantu havi a campari li so figghi nunn’havi a viriri muriri, ma Santa Fara pi mia chistu vosi e mi figghiu m’appi a brurucari. Pippinu mio m’appi a bruricari”. A pezzi a pezzi lo fecero morire, per quella gente era solo immondizia ma mio figlio era solo convinto che la mafia è una montagna di merda. Merda che ti va nella faccia, merda che chiude i polmoni, merda che ci toglie il fiato e la testa non ti fa più alzare. Questo fece mio figlio, questa sola fu la sua colpa e per questo motivo che ci fu la condanna ed in aria me lo fecero saltare. Ma una madre per quanto deve provvedere ai suoi figli non deve vederli morire, ma Santa Fara per me questo ha voluto e mio figlio ho dovuto seppellire. Peppino mio ho dovuto seppellire. Il Collettivo Peppino Impastato, nato subito

Cca si canta
Cca si canta

dopo la morte dell’esponente di Democrazia Proletaria, è composto da Giovanni Riccobono, Salvo Vitale, Carlo Bommarito, Claudio Di Mercurio e Diego Sammartino. La voce della canzone Lacrimi di matri è di Federica Di Mercurio. “Avevamo proposto la canzone – conclude Di Mercurio – agli Agricantus, per inserirla nella colonna sonora del film su Felicia ma non è stata purtroppo presa in considerazione. L’attività del Collettivo continua nella Casa Badalamenti dove abbiamo allestito la sala prove ca si canta“.

Antonio Catalfio