Il cammino dei rosanero verso la B termina in quel di Melilli

Assoporto Melilli:

1 Russo 4 Monaco 7 Tarantola (K) 13 Bonventre 16 Gianino D. 17 Giardina 22 Gianino M. 19 Felice 27 Fiore 28 Netti;
All. Sebastiano Ranno;

Asd Capaci United :

Gabriele Catalano 6.5, Di Gregorio s.v., D’Orio 8, Cappello s.v., Torcivia 7.5, Restivo 7.5, Giacomo Catalano 7, Pitarresi 6.5, Intravaia 6, Marretta 6, Montevago 6, Bruno s.v.;
All. Roberto Zapparata;

Tabellino

0-1 12′ Torcivia (UC);
1-1 13′ Monaco (AM);
2-1 17′ Gianino (AM);
3-1 22′ Tarantola (AM);
4-1 23′ Netti (AM);
!! 25′ Rigore sbagliato United, D’Orio;
14′ 4-2 D’Orio (UC);
18′ 4-3 Catalano (UC);
21′ 5-3 Monaco (AM);
26′ 6-3 Monaco (AM);
28′ 6-4 Restivo (UC);

Assoporto Melilli 6-4 Asd Capaci United;

Nel giorno della Finale playoff del girone unico di C1, lo United fa visita in quel di Melilli, all’Assoporto Melilli squadra giunta seconda al termine del campionato e che gode dunque del vantaggio di giocare tra le mura amiche.
La partenza degli uomini di Mr. Zapparata è ottima e infatti la squadra rosanero passa in vantaggio al 12’ con Marco Torcivia. Il numero 7 è il terminale offensivo di un contropiede micidiale, ben assistito da Restivo, Torcivia supera Russo con un piattone sinistro. Ma il vantaggio per gli ospiti dura poco più di sessanta secondi. Ci pensa Monaco a pareggiare i conti con un tiro sul secondo palo, ottimo assist di Netti che di tacco scarica di prima intenzione per il suo compagno, regalandogli il pallone del pari. Lo United sembra aver accusato il colpo e al 17’ la difesa rosanero si fa trovare impreparata sugli sviluppi di un corner, Gianino M. riceve palla indisturbato al centro dell’area di rigore e di destro supera Catalano, 2-1 Assoporto. Ma i padroni di casa non si accontentano del ribaltone e al 22’ siglano la rete del 3-1, Catalano perde palla a centrocampo favorendo il contropiede degli avversari, Netti serve Tarantola il quale trova il secondo palo con un destro in diagonale. Lo United fatica reagire e al 23’ crolla quando Gianino M. regala a Netti la palla del 4-1, il numero 28 bianconero nonostante il precario equilibrio, riesce a sorprendere Catalano con un tiro di destro. Al 25’ Restivo viene atterrato in area da Russo, è rigore. D’Orio si incarica della battuta ma la sua conclusione termina sula palo alla destra dell’estremo difensore avversario. Lo United dunque sciupa l’occasione di riaprire il match, sprecando nel finale di primo tempo un calcio di rigore. Da registrare sempre nella prima frazione di gioco un paio episodi: un clamoroso palo di Montevago colpito a porta sguarnita e una traversa centrata da Pitarresi. Nel corso della prima frazione di gioco padroni di casa apparsi brillanti e compatti nonostante lo svantaggio iniziale, trascinati dalle prestazioni super di Gianino M. e Netti. Ospiti che pagano amaramente il black-out durato 9 minuti circa, nei quali incassano quattro reti una dopo l’altra.

Come nel primo tempo la ripresa inizia in favore dei rosanero: al 14’ D’Orio si fa perdonare per l’errore dal dischetto del primo tempo, il numero 4 dopo aver recuperato fulmina Russo con una bordata di destro a mezza altezza, imprendibile anche per il numero uno dell’Assoporto. Lo United inizia a crederci e al 18’ trova la rete del 4-3 con uno splendido pallonetto di Catalano che in uscita sorprende Russo con un delizioso sombrero. Nel momento di massimo sforzo rosanero, l’Assoporto punisce gli avversari con uno-due fulminante di Monaco. Il numero 4 dei padroni di casa realizza nel giro di cinque minuti una doppietta: prima, segna a porta vuota servito splendidamente da M. Gianino; poi, lanciato in porta sempre dallo stesso M. Gianino, supera Catalano in uscita anticipando l’estremo difensore rosanero con una zampata di destro. Il punteggio è dunque di 6-3 a meno di cinque minuti dalla fine. Nel finale c’è solo spazio per la rete del 6-4 di Restivo il quale vince un contrasto con Russo e segna a porta ormai incustodita.
La finale playoff termina dunque 6-4 per l’Assoporto Melilli che si aggiudica il pass per affrontare la vincente playoff del girone calabrese, continuando così la corsa verso la Serie B. Complimenti ad entrambe le squadre per lo spettacolo offerto al pubblico. La partita ha regalato emozioni continue e capovolgimenti di gioco senza attimi di pausa. La squadra di Mr. Zapparata paga quella fase centrale del primo tempo in cui ha subito quattro reti, gap che penalizzato il proseguo del match. Resta comunque ottima la stagione rosanero, che per il secondo anno di fila conquistano la finale playoff della competizione siciliana, migliorando anche il piazzamento in classifica rispetto all’anno passato, da quinti a terzi. La squadra dei presidenti Alioto – Filiberto sarà certamente protagonista il prossimo anno come candidata per la conquista della B.

Chiunque volesse rivivere la sintesi del match, può farlo attraverso il seguente link:

Ai noi dello United Capaci non resta altro che darvi appuntamento alla prossima stagione per continuare a perseguire insieme il sogno chiamato Serie B. Lo staff rosanero vi saluta con questa celebre citazione di Jesse Owens:
“Non importa cosa trovi alla fine di una corsa, l’importante è quello che provi mentre stai correndo. Il miracolo non è essere giunto al traguardo, ma aver avuto il coraggio di partire.”
Andrea Trapani