Carini: Consiglio Comunale del 7 giugno 2016

La ripresa integrale della seduta del Consiglio Comunale di Carini di martedì 7 giugno 2016, dopo la mancanza del numero legale della seduta del giorno prima, 6 giugno, per l’assenza di quasi tutta la maggioranza che sostiene l’Amministrazione Monteleone.

Questo l’ordine del giorno della seduta.

Dopo le comunicazioni istituzionali, si passa alle interrogazioni, 2 presentate dal MoVimento 5 Stelle, che non hanno risposta e vengono rinviate alla seduta successiva. Una terza interrogazione, a firma di quasi tutta l’opposizione, non trova risposta per l’assenza dei funzionari e viene pertanto trasformata in mozione.

Il rinnovo dello Statuto Comunale e del Regolamento del Consiglio Comunale vengono rinviati in quanto i Consiglieri presenti sono inferiori al numero minimo previsto dalle norme per la loro approvazione (in quel momento 17 presenti su 30, mentre è prevista una maggioranza qualificata di almeno 20 Consiglieri per approvare i singoli articoli).

Si passa al nuovo regolamento per l’affidamento degli incarichi legali esterni ma intanto qualcuno esce dall’aula… A questo punto, prima di mettere ai voti il regolamento, con 12 Consiglieri presenti (numero minimo essendo la seduta in seconda convocazione) il Consigliere Bortiglio abbandona l’aula e fa mancare il numero legale. Seduta interrotta.

Per la cronaca, a rappresentare la maggioranza in quel momento, su 12 Consiglieri, erano presenti soltanto: Mannino, Lo Monaco, Manicioto, Tranchina e Bortiglio, (erano intanto andati via Alamia e Gallina) 5 su 18. Opposizione fino a quel momento presente al completo (la Consigliera Picone aveva lasciato l’aula per impegni alcune decine di minuti prima, promettendo che sarebbe tornata), ma qualche minuto prima di Bortiglio abbandonano l’aula: Giambanco, Fiorello e Sgroi.

Seduta con un nulla di fatto, ma come sempre costata ai contribuenti, come quella della sera prima. Di tutto ciò vi daremo conto in un prossimo articolo.