Partinico: “Dalla terra alla tavola”. Fotografie di “Tempi e Diaframmi all’Open Day del Liceo Santi Savarino

cassara3Al via oggi pomeriggio l’Open Day al Liceo Scientifico Santi Savarino di Partinico, diretto dalla professoressa Chiara Gibilaro. Tantissime le iniziative proposte da docenti e ragazzi dell’istituto, tra le quali spicca la mostra fotografica “Dalla terra alla tavola” dell’Associazione culturale “Tempi e Diaframmi”. Una sequenza di immagini in bianco e nero che cristallizzano nell’attimo dello scatto la millenaria cultura materiale e alimentare siciliana, che si rinnova mantenendo gestualità, strumenti di lavoro e oggetti d’uso che ben rappresentano l’eccellenza del territorio. “L’associazione Tempi & Diaframmi è una realtà nata pochi mesi fa da un gruppo di amici appassionati di fotografia – dice il Presidente Giovanni Cassarà – e condivisione di idee. In pochissimo tempo il gruppo facebook ha raccolto tantissime iscrizioni e ad oggi conta quasi 10.000 utenti attivi e partecipi alla vita del social fotografico. Lo scopo dell’associazione è la divulgazione e la diffusione attraverso la fotografia del bello, delle cose buone che questa nostra terra martoriata sa regalarci, dal paesaggio, all’urbanizzazione spettacolare delle città siciliane, alle storie raccontate lungo le strade per finire ai meravigliosi personaggi che durante il loro lavoro vengono ritratti. Siamo partiti proprio da questi personaggi, e proprio in occasione dell’OPEN DAY a cura del Liceo Scientifico Santi Savarino di Partinico, l’associazione Tempi & Diaframmi sarà presente con la mostra a tema “dalla terra alla tavola”, un progetto curriculare “lingue, culture, identità in Sicilia. Percorsi d’arte e cultura materiale” curato dalla professoressa Laura Bonura. Espongono: Giovanni Cassarà, Tury Di Piazza, Mimmo Maniaci, Rosy Plano, Vincenzo Saputo, Salvatore Bologna, dalla-terra-alla-tavolaSefi Prestigiacomo e Danilo D’Ercole“.

Il progetto curriculare interdisciplinare “Lingue, culture e identità in Sicilia” ha come finalità il promuovere e valorizzare la conoscenza, lo studio del patrimonio storico, artistico, letterario e linguistico siciliano dall’età antica sino ad oggi, con particolare attenzione alle identità locali e regionale entro una prospettiva pluralistica, elemento caratterizzante e fondante la storia e la cultura italiana fin dalle origini. I percorsi, a carattere pluridisciplinare e integrativi rispetto alla programmazione curriculare, tendono a stimolare forme cittadinanza attiva e partecipativa recependo gli indirizzi della riforma del sistema di istruzione e formazione. La Commissione Lingue, culture, identità in Sicilia è composta dai professori L. Di Cara, S. Genuardi, E. Giannola, F. Longo, G. Marrocco, G. Porcasi, V. Savoca, M.S. Trifirò, L. Bonura (Referente L.R.9/2011) C. Noto (referente Erasmus).

Antonio Catalfio