Cinisi: Il bene confiscato e abbandonato di via Libertà

 

gadduzzi Alcuni beni appartenuti a noti boss della malavita tra Cinisi e Terrasini sono stati confiscati e riqualificati per progetti di pubblica utilità o a sfondo sociale, tuttavia notiamo che in via Libertà, vicino al campo di calcio comunale, è stata posta una targa su un casolare, antistante un terreno, in cui si legge “Bene confiscato alla mafia. Patrimonio del Comune di Cinisi”, ma attualmente risulta in stato di abbandono. Per due anni consecutivi, nel Natale 2012 e in quello successivo, il casolare con annesso il podere, appartenuto al boss Tano Badalamenti, è stato utilizzato dall’associazione culturale “Zahara” per ospitare un suggestivo presepe vivente, eppure oggi risulta inaccessibile e chiuso al pubblico. In quanto bene di proprietà del Comune, sarebbe giusto adibirlo a locale pubblico, organizzando attività no profit all’insegna della legalità, per valorizzarlo e farne un simbolo della lotta contro la mafia, prima che il passare del tempo  lo deteriorino rendendolo inagibile.

Corinna Contieri