Terrasini: 1.800.000 euro per il sottopasso ferroviario

Il sottopasso ferroviario, un’opera attesissima nella cittadina costiera di Terrasini, diventa realtà. Il sindaco, Giosuè Maniaci, ha annunciato, alla presenza del Dirigente del Dipartimento della Protezione Civile, Calogero Foti,  il finanziamento regionale di un milione e ottocentomila euro, già deliberati dalla Giunta Regionale. Ma il Sindaco non lascia e raddoppia, i sottopassi saranno infatti due. Visibilmente sottopasso2emozionato il capo dell’amministrazione terrasinese che parla di un risultato storico per la comunità della cittadina turistica, il cui centro urbano è chiuso da un anello ferroviario che ne blocca le vie d’uscita e d’entrata. Pochi giorni fa un incidente nel passaggio a livello della via Partinico aveva bloccato in una trappola l’intera cittadina. ” Questa Amministrazione sin dal suo insediamento – dichiara il Sindaco Giosuè Maniaci – ha posto particolare attenzione ai temi riguardanti la realizzazione del sottopasso ferroviario. Abbiamo fatto diverse sollecitazioni agli organi competenti, effettuato incontri con diversi responsabili delle Istituzioni regionali per perorare la causa del sottopasso ferroviario a Terrasini, richiedendo la possibilità di finanziamento dell’importante opera, stante l’impossibilità di realizzarla con fondi comunali.Il nostro impegno è stato finalmente premiato, considerato che il finanziamento del progetto del sottopasso è stato inserito dalla Giunta Regionale nel nuovo piano relativo al Patto per il Sud.

La strada in via Cala Rossa dove sorgerà il sottopasso ferroviario
La strada in via Cala Rossa dove sorgerà il sottopasso ferroviario

Infatti, su proposta dell’Assessore Regionale del Territorio e Ambiente, Maurizio Croce, è stata programmata la rimodulazione degli interventi ricompresi nel PattoperilSud RegioneSicilia, area tematica Ambiente, obiettivo strategico Dissesto idrogeologico, prevedendo l’inserimento di nuove opere pubbliche, tra le quali anche quella del sottopasso ferroviario di Terrasini. Quindi, la Giunta Regionale, con delibera n.302 del 26/7/2017, ha approvato il nuovo “Patto per il Sud-Regione Sicilia Area tematica -Ambiente”, che rimodula e integra gli interventi già previsti dalla precedente delibera n.301 del 10 settembre 2016. Il progetto del sottopasso ferroviario di Terrasini è stato inserito tra le nuove operazioni del settore strategico Messa in sicurezza delle Infrastrutture per un importo di € 1.800.000,00. Si tratta di un risultato storico per il nostro paese, un concreto punto di partenza per cercare di risolvere

L'Ing. Fabio Tuttolomondo, probabile Rup dell'opera con il Segretario Cristofaro Ricupati
L’Ing. Fabio Tuttolomondo, probabile Rup dell’opera con il Segretario Cristofaro Ricupati

finalmente questo annoso problema.Il nostro paese, infatti, è fortemente limitato, nella mobilità con l’esterno, dalla linea ferroviaria Palermo-Trapani che chiude il centro abitato sulla linea di costa. Questo particolare rapporto fra infrastruttura ferroviaria e territorio condiziona quotidianamente il normale svolgersi delle attività ma metterebbe a rischio l’intera cittadinanza in caso di gravi eventi calamitosi. Il nuovo sottopasso consentirà di collegare più facilmente il nostro paese con il territorio esterno e la realizzazione di una indispensabile via di fuga in grado di collegare l’aeroporto, il porto, con la sua attività di salvataggio a mare, e l’autostrada, anche al fine di raggiungere senza ostacoli gli ospedali di Partinico e

L'ipotesi progettuale del sottopasso e collegamento viario
L’ipotesi progettuale del sottopasso e collegamento viario

Palermo.” Il Sindaco mette anche il bollino sul Partito Democratico, è intyervenuto il dirignte provinciale Giuseppe Biundo, per aver spinto per il finanziamento. Il sottopasso collegherà con una grande arteria gia parzialmente realizzata, la via Cala Rossa con lo svincolo autostradale, dove sorgerà una grande rotonda. Ipotesi progettuale nata nella scorsa amministrazione ma che si era arenata per mancanza di finanziamento. I tempi di realizzazione possono essere previsti in due anni ma Calogero Foti ha

Calogero Foti e Giosué Maniaci
Calogero Foti e Giosué Maniaci

previsioni più ottimistiche “Penso che in diciotto mesi dovremmo farcela ad avere l’opera completata, il Comune deve adesso nominare il Rup (Responsabile Unico del Procedimento n.d.a.) e si procederà celermente. sono qui oggi, per testimoniare la volontà dell’Amministrazione Regionale a far presto e bene”. Ma non contento del risultato, il Sindaco ha annunciato la realizzazione di un altro sottopasso, quello che dovrebbe sorgere tra la via Perez e via delle Magnolie, ipotesi proposta proprio alla Protezione Civile già nel 2009: l’Amministrazione ha proposto alle ditte di due lottizzazioni in zona di prevedere tra le opere viarie anche il sottopasso e di realizzarlo defalcando gli oneri di urbanizzazione. anche qui si è in stato avanzato, il progtto è al Genio Civile, e a sorpresa potrebbe nascere già prima di quello della via Cala Rossa.

Antonio Catalfio