Cinema. il 29 aprile a Partinico prima assoluta del corto “Il richiamo del mare”

Oggi, alle ore 18, nella sala delle capriate del Palazzo dei Carmelitani, Corso dei Mille, prima assoluta del corto “Il richiamo del mare“, una coproduzione PM Management Group di Piero Melissano e Magic Effect Production di Graziella Terrei. Il film, girato in Sicilia tra Partinico e Trappeto, affronta il delicato tema dell’adozione con purezza stilistica e poesia dei sentimenti, tanto da aver commosso, produzione, regia ed attori durante la realizzazione. Regia di Claudio Di Napoli, soggetto ilrichiamodel-mare1di Francesca Currieri, Sceneggiatura di Francesca Currieri e Sauro Roma con Alessandro Febo e Francesca Errera. Tratto da una storia realmente accaduta, il film riesce con rara bellezza a mettere al centro il tema della maternità e dell’adozione, anch’essa una vera e propria nascita per le fortissime emozioni che suscita nei nuovi genitori. “Ho voluto mettere in scena una tematica molto importante, quella dell’adozione – dichiara il Produttore Piero Melissano – in tutti i miei film parlo di tematiche a sfondo sociale, oggi raccontiamo le emozoni dell’adozione.  sto puntando molto su Partinico dove spero di realizzare altri progetti. Le idee sono tante”. “Non si tratta solo di bambini abbandonati, – dice Francesca Currieri – raccontando la storia ho voluto aprire la porta alla speranza perchè non c’è conflittualità tra famiglia di origine e adottiva ma si va verso la speranza e il bene dei bambini che spesso si sentono e sono abbandonati, raccogliere emozioni, speranze e paure e trasmettere un messaggio d’amore”.ilrichiamodelmare

Il richiamo del mare. Sinossi

A Partinico, in una grande villa, circondata da un ampio giardino, vivono Luigi Bramante e Carmela Licari, una famiglia benestante proprietaria di un rinomato ristorante. I due coniugi, sposati da alcuni anni, non hanno avuto figli. Legati da profondo affetto e stanchi del silenzio che regnava in quella grande casa, una casa troppo grande per loro, decidono di adottare un bambino da amare. Iniziano così ad inoltrare, richiesta di adozione. Dopo circa un anno arriva la comunicazione tanto attesa.
Inizia così la storia di un ragazzo, con un vissuto, fatto di luci e ombre, di gioie e solitudine, pronto a sfidare il destino, ridisegnando il suo futuro. Un giovane che tiene stretti i suoi sogni, dirigendoli verso un passato sconosciuto. Il suo nome è Alessandro, ha gli occhi e i capelli neri, la carnagione olivastra, un viso regolare e il mento leggermente pronunciato. Lui non fa moine false, è lontano dalle bugie e dall’ipocrisie, tiene alta la testa e dritta la schiena. Col suo sorriso colpisce il cuore e le menti di chi lo circonda. Aspetta il suo tempo, ed è consapevole che, arriverà il momento in cui, con le mani, toccherà il firmamento. Il protagonista ascolta la saggezza del suo cuore e il tempo gli farà incontrare il suo destino.

Antonio Catalfio