Palermo – Catania: a Caltavuturo i cittadini scendono in campo

Si sono riuniti a Caltavuturo i componenti del costituendo “Comitato Cittadino” per la definizione dell’atto costitutivo e dello statuto dell’Associazione che avrà l’onere di gestire tutte le fasi connesse alla sistemazione definitiva della Trazzera-Scorciatoia di “Prestanfuso” a seguito del “finanziamento” dei Consiglieri regionali del Movimento Cinque Stelle, che verseranno mensilmente una parte della loro indennità di carica. Ecco l’organigramma dell’Associazione “Camina cu mia”: oltrepassiamo la frana. Insieme: Presidente Roberto Sottile, Vicepresidente Antonino Granata, Segretario-Cassiere Francesco Romana; componenti del consiglio direttivo: Vincenza Sireci e Giuseppe Sireci. Altri soci fondatori: Giuseppe Piampiano, Vincenzo Giannopolo, Giuseppe Romana, Gaetano Serio, Graziella Di Giorgi, Adriana Lo Curto, Giuseppe Sciortino, Calogero Giannopolo. Revisore dei conti, esterno all’associazione, Maria Romana. Palermo - Catania - a Caltavuturo i cittadini scendono in campo1Nella cittadina madonita si sta realizzando un meraviglioso esempio di partecipazione democratica e collettiva alla risoluzione dei problemi della comunità che, a causa di una frana decennale dimenticata dalle Istituzioni, si sono tragicamente evidenziati con il crollo del viadotto Imera sull’autostrada Palermo – Catania, che ha isolato la Sicilia in due parti e il piccolo ma intraprendente comune madonita. “I componenti del Comitato Cittadino hanno voluto affidare a me la presidenza dell’Associazione, che, praticamente,
rappresenta il Committente dell’opera da realizzare – dichiara Roberto Sottile -, li ringrazio per la fiducia accordata e preciso nel contempo che il mio impegno si svolgerà, tra l’altro, in queste tre direzioni: in primo luogo, evitare che la nascente Associazione abbia un ruolo puramente strumentale-funzionale così da rappresentare una comoda soluzione tecnicamente conveniente per realizzare in tempi brevi e con un forte snellimento burocratico la Trazzera-Scorciatoia. La nascente Associazione ‘Oltrepassiamo la frana. La bellezza non si può isolare’ sarà invece un’occasione esaltante di protagonismo territoriale, individuale e comunitario per un modello di partecipazione dal basso, partecipazione con la quale i cittadini si faranno artefici del loro destino in una fase caratterizzata dalla
insopportabile lentezza delle istituzioni sovralocali e dalla drastica riduzione dei fondi pubblici. Altro punto fondamentale – continua il Presidente – sarà di garantire la massima trasparenza, anche mediante la creazione di un’apposita pagina social, sulle diverse fasi di realizzazione della Trazzera, con riunioni periodiche e continui comunicati e commenti sullo stato di avanzamento dei lavori e sulle modalità e fasi di erogazione del denaro alle ditte esecutrici. Palermo - Catania a Caltavuturo i cittadini scendono in campo3Infine individuare tutte le forme di finanziamento possibili, tramite donazioni, sponsorizzazioni e sottoscrizioni popolari, per acquisire l’ulteriore somma necessaria al completamento dei lavori sulla trazzera, che ammonta a circa 400.000 Euro oltre la somma messa già a disposizione dai Consiglieri del Movimento Cinque Stelle”. La costituenda associazione è già all’opera per promuovere, nell’ultima decade di luglio, un grande evento musicale al teatro all’aperto di Caltavuturo, il cui incasso sarà destinato al fondo per la trazzera. “Parteciperanno
molti artisti siciliani sensibili, – dichiarano – che inoltre potranno contribuire con la loro presenza a tenere alto il livello di attenzione sul dramma della nostra comunità. Palermo - Catania a Caltavuturo i cittadini scendono in campo4Abbiamo definito tutte le fasi formali per la costituzione dell’Associazione e dopo la registrazione dell’atto costituivo, apriremo il conto corrente per accogliere il denaro donato dai Consiglieri regionali del Movimento Cinque Stelle e le somme già ulteriormente raccolte: circa 2.500,00 euro, messi insieme grazie alle “offerte” degli automobilisti all’imbocco della trazzera, e i circa 200 euro provvisoriamente accreditati da alcuni nostri concittadini sul conto corrente del Comune. Su questo conto confluiranno le ulteriori donazioni e sponsorizzazioni che d’ora in poi speriamo continueranno a venire numerose e generose e delle quali daremo puntualmente conto”.