Il consigliere Bologna ed il suo “nemico immaginario”

Eppure il visionario Bologna, forse in preda ad allucinazioni causate da crisi di astinenza da fascia tricolore e da sconfitta elettorale, parla continuamente di una persona inesistente, dispensa, con la “classe” e l’“eleganza” che ormai lo contraddistinguono, pubblici gesti volgari ad una persona immaginaria (davanti a testimoni), minaccia querele contro un «nome di fantasia».

Leggi