23 Maggio 2024
CronacaPrimo piano

Eurofighter precipitato nel trapanese: nessun segreto di Stato sulle indagini in corso, lo precisa in un comunicato l’Aeronautica.

Un Eurofighter del 18° Gruppo basato a Birgi, Trapani.

Con un comunicato stampa, pubblicato sulla propria pagina istituzionale, l’Aeronautica Militare ha smentito ieri ogni notizia riguardante l’apposizione del segreto di Stato sulle indagini riguardanti l’incidente aereo che lo scorso 13 dicembre 2022 aveva coinvolto un velivolo Eurofighter del 18° Gruppo Caccia  di stanza a Birgi, Trapani, e che aveva causato la morte del Maggiore Fabio Antonio Altruda, 33 anni di Caserta.

La notizia della segretazione delle indagini sull’incidente aereo dell’Eurofighter era stata diffusa ieri da diverse testate locali e nazionali, che avevano riportato le dichiarazioni del legale della famiglia del pilota, deceduto nell’incidente lo scorso dicembre, che sottolineava come non fosse stato possibile alla parte civile partecipare all’apertura della scatola nera del velivolo, necessaria per esaminare i dati e le registrazioni di volo, e capire finalmente cosa fosse successo al velivolo di Altruda, la sera del 12 dicembre 2022.

Le dichiarazioni dell’Aeronautica Militare

L’ Aeronautica Militare, a seguito della diffusione della notizia della presunta apposizione del segreto di Stato alle indagini in corso da parte del Governo, ha fatto sapere che “In relazione alla pubblicazione di alcuni articoli apparsi recentemente su taluni organi di stampa, che riportano l’asserita apposizione del segreto di stato sull’incidente che ha provocato la morte del Maggiore Fabio Altruda, tragicamente scomparso a bordo di un velivolo Eurofighter lo scorso 13 dicembre 2022, l’AM precisa che tali affermazioni non corrispondono a verità. Infatti tutta la documentazione d’interesse è da tempo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente. Anche la scatola nera è stata consegnata senza indugio alla predetta autorità giudiziaria e risulta a tutt’oggi sotto sequestro“.

Intanto la Procura di Trapani indaga

Ad occuparsi delle indagini sono impegnate la Procura di Trapani, che sta svolgendo un’inchiesta a carico di ignoti per disastro aereo e omicidio colposo, l’Ispettorato per la Sicurezza dell’Aeronautica Militare, che sta conducendo un’indagine amministrativa interna per disastro aereo e la Procura Militare di Napoli, impegnata alle indagini relative all’ipotesi di distruzione di bene militare.

Michelangelo Marino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.