21 Giugno 2024
CronacaPartinico

Partinico: Nuova sede dell’Aiccre Sicilia in un bene confiscato

Martedì 19 dicembre, alle ore 17:00,  si inaugura la sede regionale dell’AICCRE Sicilia, in Via Enrico Fermi n° 35  a Partinico (Pa), in un immobile confiscato alla criminalità organizzata e assegnato dopo un bando pubblico dal Comune di Partinico. “Interverranno la Direzione e il Consiglio Regionale dell’Aiccre, che si riunirà prima della manifestazione -dice Pietro Puccio, segretario generale – e sindaci e amministratori di molti comuni siciliani”. L’Aiccre Sicilia è una delle Federazioni regionali dell’AICCRE, Associazione Italiana per il Consiglio dei Comuni e le Regioni d’Europa,  movimento politico e culturale, che mantiene la sua forza e la sua coerenza grazie alla militanza in esso delle autonomie locali, presenti a tutti i livelli dal Comune agli Enti intermedi alla Regione. La Federazione siciliana conta, al momento, oltre 200 soci tra cui la Regione, quasi tutti i capoluoghi e le Province regionali e molti dei comuni più importanti dell’Isola. Questo significa che oltre i due terzi dei cittadini siciliani sono rappresentati dalle loro più alte Istituzioni all’interno della aiccresedeFederazione. L’associazione raccoglie liberamente in modo unitario le Regioni, i Comuni, le Province e le altre rappresentanze elettive di Comunità locali nel loro impegno a operare per la costruzione degli Stati Uniti d’Europa fondati sul pieno riconoscimento, il rafforzamento e la valorizzazione delle autonomie regionali e locali. Associazione è senza scopo di lucro, l’AICCRE assume e promuove a livello europeo iniziative dei poteri regionali e locali, in primo luogo azioni per lo sviluppo della cultura europea e per la costruzione della democrazia istituzionale e dell’unità politica dell’Europa in forma federale, sulla base del principio di sussidiarietà e di interdipendenza; iniziative per la pace, la cooperazione decentrata per lo sviluppo, la collaborazione pacifica e la fraternità dei popoli contro gli odi nazionali, etnici e religiosi e per la realizzazione della pari dignità e delle pari opportunità di tutti gli esseri umani. E’ attivissima inoltre per favorire la riduzione delle disparità regionali e per il superamento degli squilibri in Europa e del crescente divario fra Nord e Sud del mondo. Si ispira ai principi contenuti nella Carta europea delle Libertà Locali del CCE (ora CCRE) del 1953, nella Carta europea delle Autonomie locali (1985) e regionali (adottata dal CPLRE nel 1998) del Consiglio d’Europa.
Tra i compiti dell’Aiccre importanti gli  studi e ricerche sulle autonomie regionali e locali e con le loro associazioni, attività di informazione e di formazione degli amministratori e del personale sulle tematiche europee, partecipa,congiuntamente al CCRE, alle seguenti piattaforme tematiche europee: Governance, democrazia e cittadinanza; gestione dei servizi pubblici locali e regionali; coesione economica, sociale e territoriale; Ambiente, Clima e Energia e Cooperazione internazionale e Parternariato

01Svolge attività di servizio agli enti associati nei loro rapporti con il Governo e le amministrazioni dello Stato in relazione ai problemi europei, e con le istituzioni e organizzazioni europee, a partire da quelle dell’Unione Europea e del Consiglio d’Europa. Opera per favorire, potenziare e organizzare la partecipazione e la rappresentanza unitaria dei poteri regionali e locali italiani negli organi istituzionali dell’Unione europea e del Consiglio d’Europa.

L’AICCRE realizza in proprio e sostiene l’attuazione, da parte degli enti locali e regionali e delle loro associazioni, di progetti anche basati su forme di partenariato europeo nell’ambito di programmi e di iniziative dell’Unione Europea e del Consiglio d’Europa. L’Aiccre Veneto gestisce il Centro di Formazione in Europrogettazione, il primo e unico centro universitario italiano dedicato alla formazione in materia di progettazione europea di gestione finanziaria e operativa dei progetti. (http://www.europelago.it/)

Adotta e promuove iniziative di reciproca conoscenza, di incontri, scambi di esperienze e gemellaggi fra i poteri regionali e locali dei Paesi d’Europa e tra questi e i paesi extra europei con i quali l’Unione Europea intrattiene rapporti; in questo quadro una particolare attenzione è rivolta ai Paesi del bacino del Mediterraneo. L’inaugurazione della sede di Partinico costituisce quindi una importantissima opportunità per il territorio.

Antonio Catalfio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.