Chiare, fresche et dolci acque del Ciachea…

Se Francesco Petrarca fosse vissuto di questi tempi a Carini, certamente avrebbe scritto del Ciachea, ma forse non proprio in questi termini.

Foce del Torrente Ciachea

Da anni monitoriamo questo strano fiume, che nel medioevo era talmente vigoroso che non ci si poteva costruire un ponte per attraversarlo ed era necessario utilizzare una zattera.

Oggi è totalmente asciutto, anche se a mare l’acqua arriva lo stesso.

Non è però un acqua normale. Da circa 7 anni l’acqua che il Ciachea sversa copiosa al centro del Golfo di Carini è alquanto puzzolente  e nauseabonda.

Si tratta in realtà dello scarico del Depuratore Consortile dove arrivano le fogne di Carini, Capaci, Isola delle Femmine, Torretta e della Zona Industriale di Carini.

Il fatto strano e curioso, che personalmente ho denunciato più volte in questi ultimi anni, è che dall’impianto di depurazione le acque fognarie escono pulite e trasparenti, totalmente prive di odore, quasi come se fosse acqua di sorgente.

Ma allora com’è possibile che a mare arrivi altro?

Com’è possibile che da almeno 4 anni chi ha in gestione l’impianto di depurazione,  prima la Dondi e dopo l’AMAP, continui a denunciare sversamenti di idrocarburi, l’ultimo copioso a gennaio del 2020 di oltre 20 tonnellate, e nessuno prenda provvedimenti?

Siamo andati ieri a visitare le “sorgenti del Ciachea”, la misteriosa polla d’acqua che sgorga dalla madre terra in prossimità del ponte autostradale sul Ciachea. Ma in questi mesi non siamo stati con le mani in mano: abbiamo fatto campionamenti ed analisi chimiche, recuperato documenti, monitorato il torrente quasi quotidianamente.

Nelle prossime settimane racconteremo la sua storia, di come funziona il Depuratore di Ciachea, del misterioso by-pass a monte che funziona anche quando non dovrebbe, del pennello a mare spazzato via dalle correnti ed anche della folle idea da 28 milioni di euro di portare in questo posto pure gli scarichi fognari di Terrasini, Cinisi ed Aeroporto “Falcone-Borsellino”.

Intanto guardatevi questo video:

Ambrogio Conigliaro

Giornalista pubblicista, guida AIGAE ed esperto di educazione ambientale, nel 2005 fondo Il Vespro dopo aver collaborato per anni con Carini Oggi. Lavoro per Legambiente nella Riserva Naturale Grotta di Carburangeli.