21 Giugno 2024
CronacaInchiesteTerrasini

Terrasini, sfregiata la Chiesa degli Agonizzanti

20151123_115716La settecentesca chiesa degli Agonizzanti di Terrasini, adiacente al Duomo, improvvisamente diventa bicolore. Un’orrida vernice gialla ha deturpato il Bene architettonico, la chiesa diventa bicolore. Era accaduto nel mese di giugno, nel famoso oratorio di Santa Cita 20151123_115821di Palermo, quando il parroco, per coprire alcune scritte, aveva fatto ridipingere con la solita vernice gialla, parte del muro adiacente alla chiesa. Ma quel giorno un passante fermò con mano decisa l’operaio, allertando il Nucleo Tutela Patrimonio Artistico della Polizia Municipale. A Terrasini invece, nessuno ha pensato di avvisare nessuno, tutto in regola, mentre per legge ogni minimo intervento di ripristino dovrebbe essere comunicato alla Soprintendenza che con i propri tecnici, impone i colori e materiali adatti. Ma gli interventi si sono anche spinti sulla ala laterale del duomo dedicato a Maria Santissima delle Grazie, dove anche qui parte dello zoccoletto è stato verniciato color vinaccia, parte grigio, e parte con installazione di marmo tipo Billiemi, creando sovrapposizione con la struttura preesistente. La

zoccolatura color vinaccia laterale Chiesa Madre
zoccolatura color vinaccia laterale Chiesa Madre

chiesa madre di Terrasini non è nuova a ben più gravi interventi manomissori. Sin dagli anni sessanta, vennero asportati gli antichi lampadari e il coro ligneo e l’altare. Successivamente un grave intervento con finanziamenti pubblici, venne realizzato senza parere della Soprintendenza: asportazione delle originali balaustre in marmo rosso di Verona e in marmo a scaglie, venne dipinta persino la bianca cupola con mediocri pitture che effigiavano parroco e vescovo. Ora quest’incredibile intervento in un bene vincolato dove l’antica Confraternita degli Agonizzanti si riunisce da duecentocinquant’anni.

Antonio Catalfio

zoccolatura in marmo che si sovrappone alla preesistente
zoccolatura in marmo che si sovrappone alla preesistente

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.